Tumore trasmesso al feto: rari casi di deficit immunitario

Lo studio è cominciato nel 2006 sul caso di un neonato giapponese morto di leucemia. Il contagio è dovuto a una debolezza del sistema di difesa
di SARA FICOCELLI

Una donna incinta in Inghilterra ha trasmesso il tumore alla figlia quando ancora questa si trovava nella placenta. La donna, morta di leucemia a soli 28 anni, rappresenta il primo caso accertato di trasmissione del cancro da madre a figlio. Sono circa una trentina al mondo i casi di madri e feto con lo stesso tipo di tumore, ma finora il legame non era mai stato dimostrato con certezza. La scoperta di un rapporto diretto e dimostrabile è stata fatta dai ricercatori inglesi dell’Institute of Cancer Research e getta nuova luce su un mistero che da circa un secolo attira l’attenzione degli scienziati di tutto il mondo.

Il quotidiano britannico The Times, che ha dato la notizia, spiega che questo è il primo caso in cui la trasmissione è indubbiamente accertata: i medici finora ritenevano che le eventuali cellule tumorali che avessero attraversato la barriera placentale sarebbero state respinte dal sistema immunitario del feto, ma in questo caso non è andata così. La spiegazione, stando alla ricerca, starebbe in un difetto genetico del feto, che impedirebbe al suo sistema immunitario di riconoscere le cellule materne come estranee, inglobandole.

Questo particolare fenomeno riguarda soprattutto tumori come il melanoma e la leucemia, che hanno un’elevata tendenza alle metastasi. “La famiglia è stata drammaticamente sfortunata – spiega il direttore dell’Institute of Cancer Research Tony Ford – tuttavia la bambina è ancora viva e attualmente si trova sotto stretta osservazione”.

Lo studio su questo tipo di trasmissione tumorale è cominciato nel 2006, quando un padre giapponese ha portato in ospedale il figlio nato da poco. Anche in quel caso il bambino aveva la leucemia, e l’uomo aveva spiegato che la moglie era morta tre mesi prima dello stesso male. Test clinici hanno poi dimostrato che il sangue di entrambi conteneva lo stesso tipo di cellule tumorali, cosa singolare dato che i tumori non sono mai identici, a meno che non abbiano la stessa fonte. Lo studio, pubblicato sulla rivista specializzata Proceedings of the National Academy of Sciences, è stato condotto dal professor Mel Greave: “Finalmente abbiamo risolto il mistero. Ma vogliamo anche precisare che si tratta di casi rarissimi, che si possono verificare sono in particolari circostanze, estremamente sfortunate”.

Mancava solo questo alla già drammatica trasmissione tramite il DNA di una più elevata predisposizione all’ammalarsi di cancro in età adulta. E’ davvero terribile. E qui a Taranto rischiamo davvero molto di più che in tutto il resto del mondo…Ormai si può dire che qui decidere di mettere al mondo un bambino è davvero una scelta coraggiosa…A tratti egoistica visto quello che si trasmette a nascituro che a questo punto può nascere già con il cancro…Sveglia Tarantini!

Annunci

Informazioni su letaizia

Sono una persona concreta e decisa. Mi piace la scienze. Ho iniziato per piacere personale a creare oggetti fatti a mano e ora è una delle mie passioni e chissà che non posso diventare qualcosa di più. Sono creativa e desiderosa di fare, molto sensibile e generosa(a volte troppo) Faccio tutto con entusiasmo. Adoro viaggiare e il mare. Mi piace la musica, un po' tutta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...