Dagli USA uno studio conferma che la chemio è dannosa, eppure qui continuano ad usarla. Perché?

Vi riporto un’interessante quanto allarmante ricerca che parla della chemioterapia(che qui a Taranto purtroppo è il pane quotiano) che mi è stata segnalata da Peppe, un altro AO del nostro meetup: Gracias!

Su facebook insieme a questo articolo c’è questo appello al quale, se siete capaci di farlo, vi invito a rispondere(io di medicina ci capisco pochissimo) scrivendo al gruppo INFORMAZIONE LIBERA: Articolo inviatoci dalla nostra fan Silvana Rossi, con la preghiera di scoprire di più in merito a questo argomento. Ringraziamo anticipatamente chiunque possa darci delucidazioni e fornire materiale in merito al problema.

Dagli USA uno studio conferma che la chemio è dannosa, eppure qui continuano ad usarla. Perché?

Studio medico USA, conferma : La Chemio distrugge il cervello

La chemioterapia distrugge la memoria e il cervello. Eppure in Italia
la si continua a praticare: Perché?

LOS ANGELES: SU LADYSILVIA Non ci stupisce quella che ci arriva da uno
studio dell’Università della California a Los Angeles e pubblicati sull’ultimo
numero della rivista “Breast Cancer Research and Treatment” che mostra
qualcosa che già sapevamo e cioè che la chemioterapia è dannosa e che
esistono tecniche non dannose come la Ipertermia per le parti Molli,
(fegato, pancreas, intestino, seno, con nessun effetto collaterali negativo
come cadute di capelli e dimagrimenti, e niente bisturi, ne avvelenamenti da
farmaci) e la Radioterapia Stereotassica per le partì dure (cervello,
polmone altre parti ) inventata nei Laboratori del “Dipartimento di Fisica
Nucleare” di Stoccolma diretto dal dott. Lax in Svezia.

Ma si sa le alcune industrie farmaceutiche , di fronte ai soldi e
anche taluni , non tutti, medici , di fronte al dio denaro, non guardano ai
progressi della scienza ma storicamente, restano ancorati ai farmaci di
trenta anni fa. La chemioterapia , afferma questo Studio, ma non ci
stupisce, induce modificazioni nel metabolismo cerebrale e nel flusso
ematico, e questi effetti il paziente può risentirli anche a dieci anni di
distanza. Questi risultati aiutano a spiegare i disturbi lamentati dai
pazienti sottoposti a chemioterapia.

Le persone faticano a mettere a fuoco e a ricordare le cose in un modo
che non gli accadeva prima della chemioterapia; lo spiega il Dott.
Silverman, direttore dello studio benemerito effettuato da Lui.

Silverman e colleghi hanno usato la PET per scandire il cervello di
pazienti che erano state sottoposte a intervento chirurgico per la rimozione
di un cancro al seno da cinque a dieci anni prima. Una parte di esse era
stata sottoposta a chemioterapia per ridurre il rischio di recidive.

Confrontando le immagini PET ottenute da questo gruppo, da un gruppo
di pazienti non sottoposte a chemioterapia e da un ulteriore gruppo di
controllo di soggetti sani, si è riscontrato come nelle pazienti trattate si
potesse riscontrare una forte diminuzione del metabolismo cerebrale .

A questa riduzione del metabolismo corrispondeva un peggioramento nei
test sulle capacità mnemoniche.

Insomma la scoperta della acqua calda, che in Svezia era già stata
appurata dal ” karolinska Hospital Center ” e in USA da diversi Ospedali
Americani e Canadesi, come la “New York University of State Island”.

La cosa migliore da fare e togliere di mezzo ufficialmente la superata
e medioevale chemioterapia , in favore della moderna “Ipertermia” e
aggiornare la ” radioterapia standard “Molto Imprecisa, (COLPISCE SIA LE
CELLULE SANE CHE QUELLE CANCEROGENE UCCIDENDO ANCHE QUELLE SANE.) con quella
Stereotassica , Ultra precisa, grazie all’uso di Computer e di un
“Acceleratore Lineare 3D”.

Provare a chiedere cosa ne pensa l’O.M.S. (organizzazione Mondiale
della Sanità) fermiamo la chemio e i “Chemioterapisti ad oltranza” che
pesano al guadagno e non tengono conto dei progressi della scienza.

Duilio Pacifico.

www.medicina.it

Annunci

Informazioni su letaizia

Sono una persona concreta e decisa. Mi piace la scienze. Ho iniziato per piacere personale a creare oggetti fatti a mano e ora è una delle mie passioni e chissà che non posso diventare qualcosa di più. Sono creativa e desiderosa di fare, molto sensibile e generosa(a volte troppo) Faccio tutto con entusiasmo. Adoro viaggiare e il mare. Mi piace la musica, un po' tutta.

5 thoughts on “Dagli USA uno studio conferma che la chemio è dannosa, eppure qui continuano ad usarla. Perché?

  1. questione di solid.
    spendi ni4nte per laternativa
    ; ma il business sui chemioterapici fa guadagnare milioni ai medici e alle case farmaceutiche..Ei malati? e L etica deontologica …ma vouI mettere la Villa ins ardegna . il cobnto ins vizzera e i milioni extra sulle 7MILA euro dello stipendio..si ariva a gudagnare per quei MEDICI il 350 % ibn piu ….mic fessi…..ma laternative ci sono.
    ai su http://www.Assie.it O SU WW.IMBIO
    Associazione europea di iPERTERMIA ONCOLOGICA

  2. Selezione scientifica Review in medicina Sanita’ Italia News farmaci
    Specialita’ e malattie Congressi e corsi Offerte di lavoro Crea il tuo minisito Universita’ e studenti
    Trova un medico Trova un centro di cura Trova una farmacia Trova un’associazione Trova un operatore
    MED BROWSING® Chiedi allo specialista La tua cartella clinica La salute in viaggio Assicurazioni

    Selezione Scientifica Review in Medicina Sanita’ Italia Trova uno specialistaNews farmaci Lo specialista risponde Trova un’associazione Congressi e corsi Offerte di lavoro
    Tossicita’ da chemioterapia 2 a cura di: Dott. Giampaolo Talamo APPARATO GENITOURINARIO INSUFFICIENZA RENALEFarmaci maggiormente responsabili: cisplatino, metotrexato, mitomicina C, streptozocina, nitrosouree.Questi farmaci sono controindicati quando la clearance della creatinina e’ 1 grammo/m2. Il meccanismo e’ duplice: il metotrexato induce un danno citotossico diretto sulle cellule tubulari renali e anche la cristallizzazione e la precipitazione di un suo metabolita insolubile, il 7-idrossi-metotrexato, a livello dei tubuli renali, con conseguente nefropatia ostruttiva. E’ per questo motivo che la nefrotossicita’ da metotrexato puo’ essere prevenuta da un’idratazione forzata e dall’alcalinizzazione delle urine, che hanno l’effetto di aumentare la solubilita’ del 7-idrossi-metotrexato.Nel caso delle nitrosouree, la nefrotossicita’ e’ legata allo sviluppo di una nefrite interstiziale; anni dopo la somministrazione dei farmaci, le lesioni patologiche consistono in fibrosi interstiziale e sclerosi glomerulare.SINDROME DI FANCONIFarmaco maggiormente responsabile: ifosfamide.Si tratta di una disfunzione dei tubuli prossimali, che e’ caratterizzata da ipofosfatemia (manifestazione piu’ frequente), amminoaciduria, glicosuria (NB: lo stick urinario e’ positivo per glucosio ma la glicemia e’ normale), e acidosi.CISTITE EMORRAGICAFarmaci maggiormente responsabili: ciclofosfamide, ifosfamide.La cistite emorragica e’ dovuta soprattutto all’acroleina, un metabolita inattivo che e’ tossico per la mucosa uroteliale, ma anche altri metaboliti, tra cui la cloroetilazeridina e la cloroacetaldeide, possono contribuire a questo tipo di tossicita’. La cistite emorragica si verifica piu’ frequentemente con l’ifosfamide che con la ciclofosfamide, perche’ quest’ultimo farmaco produce meno acroleina.La cistite emorragica puo’ essere prevenuta mediante idratazione forzata (2-3 litri/24 ore), irrigazioni della vescica, e somministrazione di Mesna (= 2-MercaptoEthaneSulfonate sodium [Na]), un composto sulfidrilico che inattiva l’acroleina. CAMBIO DI COLORE DELL’URINAIl colore normale dell’urina e’ giallo paglierino. Le antracicline -come la doxorubicina- fanno colorare di rosso le urine, e questo deve essere spiegato al paziente, che potrebbe interpretare il fenomeno come l’emissione di sangue nelle urine. La somministrazione di mitoxantrone puo’ dare un colore blu alle urine. AZOOSPERMIAFarmaci maggiormente responsabili: agenti alchilanti.L’azoospermia e’ l’assenza di spermatozoi mobili e maturi nel liquido seminale, ed e’ una causa di sterilita’. L’azoospermia puo’ essere reversibile oppure no, e questo dipende spesso dalla dose: con la ciclofosfamide, l’azoospermia e’ reversibile se la dose totale e’ <10 grammi; con il clorambucile, se la dose totale e' 500 mg/m2; i sintomi iniziano dopo 4-5 giorni dall’inizio dell’infusione, e di solito si risolvono dopo una settimana. DEFICIT DEI NERVI CRANICIFarmaci maggiormente responsabili: cisplatino per via endoarteriosa, vincristina.La neuropatia cranica da vincristina si manifesta soprattutto con deficit dei muscoli extraoculari, ma si osservano anche ptosi, paralisi facciale e laringea, e deficit dell’acuita’ visiva da compromissione del nervo ottico. MENINGITE ASETTICAFarmaci maggiormente responsabili: Ara-C per via endotecale, metotrexato per via endotecale (vedi sopra). MIELOPATIAFarmaci maggiormente responsabili: Ara-C per via endotecale, cisplatino, metotrexato per via endotecale (vedi sopra). NEUROPATIA PERIFERICAFarmaci maggiormente responsabili: cisplatino, paclitaxel, vincristina, vindesina.La neurotossicita’ di cisplatino, vincristina e paclitaxel consiste in una neuropatia periferica di tipo sensoriale, caratterizzata da un deficit sensorio con distribuzione ”a guanto” e ”a calzino”. Altre manifestazioni neurologiche attribuibili al cisplatino sono la perdita della propriocezione, della sensibilita’ vibratoria, l’iporeflessia e il segno di Lhermitte. La neuropatia da cisplatino e’ di solito reversibile, ma il recupero avviene lentamente, nel giro di molti mesi dalla sospensione del farmaco.Per quanto riguarda la vincristina, la neurotossicita’ e’ dose-dipendente e, se diagnosticata in tempo, e’ reversibile (ma occorrono alcuni mesi). Le manifestazioni cliniche della neuropatia periferica da vincristina includono la perdita della sensibilita’ con distribuzione ”a guanto” e ”a calzino”, parestesie alle dita delle mani e dei piedi, iporeflessia, perdita della funzione motoria con debolezza muscolare anche severa: paralisi di una mano, di un piede e talvolta addirittura una quadriparesi.Non deve sorprendere che paclitaxel e vincristina abbiano degli effetti neurotossici sovrapponibili: infatti si tratta di due farmaci che hanno un meccanismo d’azione diverso (il paclitaxel promuove l’aggregazione dei polimeri di tubulina, mentre la vincristina ne promuove la depolimerizzazione), ma l’effetto finale e’ identico, cioe’ l’inibizione della mitosi per disgregazione del fuso mitotico (da qui l’effetto citotossico). Dato che i polimeri di tubulina servono non solo alla costruzione del fuso mitotico, ma anche a trasportare i mitocondri e i granuli secretori a livello delle cellule nervose, si comprende perche’ questi farmaci abbiano un effetto neurotossico. NEUROPATIA AUTONOMICAFarmaco maggiormente responsabile: vincristina.La tossicita’ a livello del sistema nervoso autonomico si manifesta soprattutto con costipazione, ileo paralitico, dolore addominale, ritenzione urinaria, e ipotensione ortostatica. CONVULSIONIFarmaci maggiormente responsabili: alcaloidi della vinca, asparaginasi, busulfano, carmustina, ciclofosfamide, cisplatino, etoposide, metotrexato, paclitaxel, teniposide.APPARATO CUTANEO ORTICARIA / ANGIOEDEMAFarmaci maggiormente responsabili: asparaginasi, ciclofosfamide, cisplatino, mecloretamina, melfalan, metotrexato, tiotepa. ERUZIONI MACULARI E PAPULARIFarmaci maggiormente responsabili: busulfano, dacarbazina, idrossiurea, metotrexato.FOTOSENSIBILIZZAZIONEFarmaci maggiormente responsabili: dacarbazina, 5-fluorouracile, metotrexato, vinblastina. REAZIONE DA RICHIAMO DELLA RADIAZIONEFarmaci maggiormente responsabili: actinomicina D, antracicline, etoposide, idrossiurea, metotrexato.Questo effetto collaterale consiste nella comparsa di eritema e desquamazione cutanea nelle aree precedentemente esposte a radioterapia (anche alcuni anni dopo la radioterapia). VASCULITEFarmaci maggiormente responsabili: Ara-C, idrossiurea, metotrexato. SINDROME MANI-PIEDIFarmaci maggiormente responsabili: 5-fluorouracile, capecitabina, doxorubicina.La sindrome mani-piedi consiste in eritema, edema e parestesie a livello dei palmi delle mani e delle piante dei piedi. NECROSI DA STRAVASOLo stravaso di farmaci chemioterapici dall’interno di una vena ai tessuti circostanti, a causa di un posizionamento erroreo dell’agocannula, puo’ provocare un’irritazione locale o una necrosi.In seguito ad uno stravaso, i farmaci irritanti (cisplatino, etoposide, dacarbazina, carmustina) producono infiammazione senza necrosi.I farmaci vescicanti (antracicline, alcaloidi della vinca, mitomicina C, mecloretamina, actinomicina D) producono infiammazione, ulcerazione e necrosi tissutale. Il dolore e’ intenso e inizia immediatamente; dopo alcune ore insorgono eritema ed edema locale; dopo alcuni giorni si sviluppa un indurimento locale, ed entro 1-4 settimane necrosi e ulcerazione (25% dei casi).La risoluzione spontanea di una necrosi da stravaso non si verifica quasi mai. La necrosi da stravaso e’ una di quelle complicazioni che nessun oncologo vorrebbe incontrare nella sua carriera, perche’ puo’ comportare la necessita’ dell’amputazione dell’arto nei pazienti in cui si e’ verificata. Per questo motivo si raccomanda, quando possibile, che medici e infermieri evitino le vene della fossa antecubitale quando somministrano farmaci vescicanti.Se per sciagura si e’ verificato uno stravaso, ecco cosa bisogna fare:1) Tentare di aspirare il farmaco dall’ago.2) Se non viene aspirato niente, rimuovere l’ago.3) Per alcuni farmaci chemioterapici esiste un antidoto (per cui l’ago puo’ essere lasciato): applicazione topica di dimetilsulfossido (DMSO) per antracicline e mitomicina C, ialuronidasi per gli alcaloidi della vinca (promuove la dispersione del farmaco), e sodio tiosolfato per la mecloretamina (inattiva il farmaco).4) Applicare impacchi di ghiaccio nell’area dello stravaso. Fanno eccezione gli alcaloidi della vinca, che richiedono l’applicazione di impacchi caldi.5) Mantenere elevata l’arto interessato per 48 ore.6) Se dopo 48 ore la lesione peggiora o il dolore e’ aumentato, ottenere una consulenza di un chirurgo plastico. ALOPECIALa perdita dei capelli comincia dopo 2-3 settimane dall’inizio della chemioterapia, ma si verifica solo con alcuni farmaci antineoplastici, e non in tutti i casi: per esempio, l’alopecia si verifica nel 60% dei pazienti trattati con irinotecan e nel 30% di quelli che ricevono vincristina.Anche la modalita’ di somministrazione e’ importante: la perdita di capelli si verifica nel 100% dei pazienti quando la doxorubicina viene somministrata in bolo ogni 3-4 settimane, ma e’ minima quando lo stesso farmaco viene somministrato in dosi divise settimanalmente.I capelli ricrescono quasi sempre quando la chemioterapia viene sospesa, pero’ il colore o l’aspetto possono essere diversi da quelli originali (per esempio, possono ricrescere un poco ricci). LESIONI UNGUEALIBleomicina, docetaxel e paclitaxel possono causare onicolisi, cioe’ una distruzione delle unghie che puo’ essere anche severa. Il 5-fluorouracile puo’ indurre la comparsa di bande ungueali di colore nerastro, e il mitoxantrone puo’ far cambiare in blu il colore delle unghie.OCCHI CONGIUNTIVITEFarmaci maggiormente responsabili: Ara-C, capecitabina, doxorubicina, 5-fluorouracile, metotrexato.La congiuntivite da citarabina si sviluppa generalmente nei primi tre giorni di terapia, e puo’ essere prevenuta dalla somministrazione di colliri a base di corticosteroidi. UVEITE NECROTIZZANTEFarmaco maggiormente responsabile: mecloretamina. RETINOPATIAFarmaci maggiormente responsabili: nitrosouree per via endoarteriosa. EDEMA PAPILLARE / NEUROPATIA OTTICAFarmaco maggiormente responsabile: cisplatino.ORECCHIE OTOTOSSICITA’Farmaco maggiormente responsabile: cisplatino. L’ototossicita’ si verifica nel 5% dei pazienti trattati con cisplatino, e i sintomi sono il tinnito e il deficit uditivo a livello delle frequenze alte.DISTURBI METABOLICI IPERURICEMIAFarmaci maggiormente responsabili: agenti alchilanti. SINDROME DELLA LISI TUMORALEFarmaco maggiormente responsabile: Ara-C. SIADHFarmaci maggiormente responsabili: ciclofosfamide, vincristina.La SIADH (= sindrome da inappropriata secrezione di ormone antidiuretico) si manifesta con iponatremia, e si puo’ complicare con convulsioni e morte.REAZIONI SISTEMICHE FEBBREFarmaci maggiormente responsabili: bleomicina, citarabina, dacarbazina, gemcitabina.La febbre compare nel 30% dei pazienti trattati con gemcitabina. Una sindrome simil-influenzale si verifica in quasi il 50% dei pazienti trattati con dacarbazina ad alte dosi e nel 25% dei pazienti che ricevono le prime dosi di bleomicina. REAZIONI DA IPERSENSIBILITA’Farmaci maggiormente responsabili: asparaginasi, bleomicina, paclitaxel.Le reazioni da ipersensibilita’ includono l’orticaria (la piu’ frequente), brividi, febbre, laringospasmo, asma e shock anafilattico. Esse si sviluppano entro 1 ora dalla somministrazione del farmaco.A causa della possibilita’ di reazioni da ipersensibilita’ alla bleomicina, prima di iniziare questo farmaco e’ opportuno somministrare una dose-test.Per quanto riguarda il paclitaxel, la maggior parte delle reazioni da ipersensibilita’ si verifica dopo la prima o la seconda dose. L’incidenza di queste reazioni e’ stata ridotta al 2% mediante l’impiego di un regime di premedicazione, che include un cortisonico e due farmaci antiistaminici (un H1-bloccante come la difenidramina e un H2-bloccante come la ranitidina). ASTENIAAnche se noi medici diamo scarsa importanza a questo tipo di tossicita’, e’ necessario ricordare che l’effetto collaterale piu’ frequente della chemioterapia e’ l’astenia: la grande maggioranza dei pazienti sottoposti a chemioterapia si lamenta di malessere aspecifico e astenia, che possono durare per una settimana o piu’.REFERENCEG. Talamo. Pathophysiology of emergency illness due to treatment of cancer. In: Oncologic Emergencies, edited by Brian Decker Publishing (Cancer Medicine Series), 2002 (in press). Leggi la versione divulgativa dell’articolo… MEDBROWSING®:specialita’ e malattie collegate a questo articolo Oncologia medica

    © Copyright ItalMed LLC, New York, USA. …

  3. io ci sono passata e posso confermare ogni cosa sugli effetti collaterali . Anche se quando ti arriva la malattia, vorresti solo toglierla al più presto e non vuoi perdere tempo a cercare altre soluzioni,e poi non sono così facili da raggiungere e molto spesso la malattia colpisce chi proprio non ce la fa economicamente o fisicamente a muoversi, e poi non vi dico i problemi psicologici che si aggiungono al quadro della disperazione. Secondo me bisognerebbe creare delle figure che possano aiutare il malato a muoversi nel modo migliore per poter superare vari problemi come quello logistico e terapico, suggerire al malato la migliore terapia senza dolore da seguire con efficacia rapidità, e creare vicino alle strutture che ospitano i malati delle case che ospitano anche i familiari, senza passare un calvario per trovare un alloggio economico e sicuro. La verità e che ci sono tante cose da fare e non possiamo perdere tempo a criticare la medicina quando ci sono persone che il tempo non ce l’hanno più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...