La maledizione degli inceneritori in Germania: la differenziata non aumenta per colpa loro!

Un’altra interessante notizia segnalatami da Francesco, AO del nostro meetup:

La Germania ha costruito troppi inceneritori: lo afferma uno studio dell’ associazione ambientalista tedesca NABU. (1)

Ogni anno vengono bruciate nel paese oltre 15 milioni di tonnellate di rifiuti, ma questo non basta a “sfamare” gli inceneritori che per raggiungere il pareggio economico hanno bisogno di altri 2 milioni di tonnellate.

Dove trovarli, visto che il riciclo funziona così bene?

Semplice, all’estero.

Negli ultimi anni la Germania è diventata il più grande importatore mondiale di rifiuti tossici: il traffico è cresciuto da 1 a 2,5 milioni di tonnellate all’annotra il 2000 e il 2006.

Der Spiegel ci fornisce un elenco parziale: rifiuti delle fabbriche di armi svedesi, pesticidi della Colombia, amianto dagli USA, solventi dalla Cina, acido delle batterie dal Montenegro.Gli olandesi pagano 900 e a tonnellate e persino dall’Australia arrivano rifiuti altamente cancerogeni contenenti esaclorobenzene.

La Germania ha ottimi standard nella costruzione e manutenzione degli inceneritori, quindi ha emissioni più basse degli altri paesi.

Ma tutti sanno che non esiste il rischio zero.

La Germania sta quindi giocando una bella scomessa sulla pelle dei tedeschi ad accollarsi il compito di liquidare le peggiori schifezze del mondo.

Il business si rileva così promettente che si vorrebbero costruire altri inceneritori in modo poter trattare fino a 8 milioni di tonnellate provenienti dal’estero nel 2020.

Qualcuno ha iniziato ad opporsi, ma evidentemente non è sufficiente…

(1) Questo è il link alla pagina dell’associazione NABU, che, purtroppo è in tedesco (ho scoperto che inceneritore si dice Müllverbrennung). E’ possibile trovare una sintesi in inglese sul canadese Zero Waste blog .

In Germania, a partire dagli anni ’90 si è progressivamente ridotta la quantità di rifiuti urbani conferiti nelle discariche, fino ad arrivare praticamente a zero nel 2007. (Qui il bilancio 2007 dei rifiuti in Germania, fortunatamente in inglese)

Questo ottimo risultato è stato raggiunto utilizzando due strategie concorrenti:

* il riciclo dei materiali e il trattamento meccanico biologico (2/3 del totale)
* l’incenerimento (1/3 del totale)

La presenza degli inceneritori sul suolo tedesco impedisce di aumentare la quota di rifiuti riciclati.

Fonte: http://ecoalfabeta.blogosfere.it/2009/10/la-maledizione-degli-inceneritori-in-germania.html#more

Questo giusto per rispondere a chi insiste che per il residuo servono gli inceneritori…

Annunci

Informazioni su letaizia

Sono una persona concreta e decisa. Mi piace la scienze. Ho iniziato per piacere personale a creare oggetti fatti a mano e ora è una delle mie passioni e chissà che non posso diventare qualcosa di più. Sono creativa e desiderosa di fare, molto sensibile e generosa(a volte troppo) Faccio tutto con entusiasmo. Adoro viaggiare e il mare. Mi piace la musica, un po' tutta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...