Messo in ferie e poi cacciato dall’Ilva: siamo ancora convinti che questo sia l’unico futuro che ci meritiamo?

L’ira del padrone!
«Messo in ferie e cacciato dall’Ilva»

Il suo tesserino è stato disabilitato. E così stamattina, in una conferenza stampa, griderà la sua rabbia per una situazione alla quale si sente e si proclama completamente estraneo. Come annunciato ieri dalla «Gazzetta», ieri mattina uno dei 24 dipendenti dell’Ilva che l’azienda ha messo in ferie forzate in attesa che la magistratura faccia luce su una presunta truffa da 40 milioni di euro, legata a forniture inesistenti di materiali o a fatture gonfiate, si è presentato, accompagnato dall’avv. Giuseppe Lecce , alla portineria dello stabilimento per provare a tornare sul suo posto di lavoro ma non ha potuto superare gli ingressi perché, come detto, il suo badge era stato disabilitato.(Gazzetta del Mezzogiorno)

[b]L’avvocato dell’operaio: «Non entriamo nel merito, contestiamo le modalità»[/b]

Non gli hanno contestato alcun provvedimento disciplinare, ma lo hanno allontanato dal posto di lavoro disabilitandogli il tesserino: per questo un operaio dell’Ilva, di 39 anni, in servizio al reparto Tubificio, ha inviato all’azienda una richiesta di reintegro immediato annunciando il deposito di una querela alla procura della Repubblica per l’ipotesi di reato di «esercizio arbitrario delle proprie ragioni». L’operaio è uno dei dipendenti dello stabilimento Ilva di Taranto a cui l’azienda ha imposto di non presentarsi sul luogo di lavoro fino a nuova disposizione e che viene indicato come persona informata sui fatti in una denuncia che i legali dell’Ilva hanno presentato alla magistratura. L’azienda chiede di fare luce su una presunta truffa da 40 milioni di euro legata a forniture inesistenti di materiali o a fatture gonfiate.
«Non entriamo nel merito della vicenda – dice l’avv.Giuseppe Lecce, legale dell’operaio – ma contestiamo le modalità con cui sono stati allontanati alcuni dipendenti». «Vogliamo – aggiunge – che la procura indaghi sul comportamento dei capi reparto che hanno gestito questa spiacevole situazione. Nei confronti di questi operai non è stato adottato alcun provvedimento disciplinare come prevede il codice dei lavoratori». «Chiederemo di rendere dichiarazioni al pm titolare dell’inchiesta sulla presunta truffa. Ancora oggi – conclude – non ci è dato sapere se l’allontanamento dal posto di lavoro equivale a ferie forzate o permessi retribuito».(Gazzetta del Mezzogiorno)

Si, teniamoci l’ecomostro che dà tanti bei posti di lavoro e un bel futuro a noi e ai nostri figli…..HO UNA RABBIA CHE AUMENTA ESPONENZIALMENTE DI GIORNO IN GIORNO!

Annunci

Informazioni su letaizia

Sono una persona concreta e decisa. Mi piace la scienze. Ho iniziato per piacere personale a creare oggetti fatti a mano e ora è una delle mie passioni e chissà che non posso diventare qualcosa di più. Sono creativa e desiderosa di fare, molto sensibile e generosa(a volte troppo) Faccio tutto con entusiasmo. Adoro viaggiare e il mare. Mi piace la musica, un po' tutta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...