Niente VIA prima di attivare un inceneritore? CONDANNATI!

Notizia del 2007 ma sempre attuale, purtroppo….

La Corte di giustizia europea ha condannato l’Italia per l’inceneritore di Brescia, gestito dall’Asm. La causa e’ il mancato eseguimento della valutazione d’impatto ambientale prima dell’attivazione nel dicembre 2003 della ‘terza linea’, realizzata in via retroattiva solo nel 2004 dopo l’intervento della Commissione europea. Condanna anche per la mancata pubblicazione della comunicazione di inizio attivita’ della stessa ‘terza linea’. I giudici hanno ribadito che i cittadini devono essere sempre informati in merito alle domande di nuove autorizzazioni per gli inceneritori “al fine di consentire al pubblico di esprimere le proprie osservazioni prima della decisione dell’autorita’ competente”.
Spesso è possibile constatare l’ammirazione che la gente (e non di rado professori e studenti di ingegneria) ha per il Termovalorizzatore di Brescia, che è diventato il simbolo della città del futuro, attenta all’ambiente, geniale nel fare del rifiuto una fonte di energia e capace di creare un capolavoro di tecnologia industriale.
Rimanendo ammaliati dal camino con effetto cromatico dimenticano che l’impatto sul paesaggio non ha niente a che vedere con l’impatto sull’ambiente.

Il termovalorizzatore di Brescia, uno dei termovalorizzatori più grandi d’Europa (ca. 750 000 tonnellate l’anno: il triplo di quello di Vienna) che soddisfa da solo circa un terzo del fabbisogno di calore dell’intera città (1100 GWh/anno) è stato definito il migliore al mondo. Forse non tutti sanno che a definirlo tale è il suo costruttore. Nonostante sia stato oggetto di diverse procedure di infrazione da parte dell’Unione Europea, nell’ottobre 2006 è stato proclamato «migliore impianto del mondo» dal Waste to Energy Research and Technology Council, un organismo indipendente formato da tecnici e scienziati di tutto il mondo e promosso dalla Columbia University di New York; ha suscitato però qualche perplessità il fatto che questo organismo annoveri tra gli “enti finanziatori e sostenitori” la Martin GmbH, che è tra i costruttori dell’inceneritore premiato.

IL termovalorizzatore di Brescia ha dei moderni filtri a manica, quelli che ripuliscono i fumi prima dell’immissione al camino. Forse non tutti sanno che i pori del filtro hanno un diametro di 6 micron, pertanto tutte le nanoparticelle di diametro inferiore ai 6 micron non vengono filtrate, e vanno in atmosfera prima e nei nostri polmoni poi.

La temperatura massima raggiunta è di 1150 gradi. Forse non tutti sanno che la griglia è inclinata, i rifiuti rotolano lungo la griglia a temperature inferiori, e si produce una quantità non nulla di tetraclorodibenzo-p-diossina (nel gergo comune: diossina). La quantità riferita di TCCD è di 0,1 nanogrammi/m3. Sembra poco. Forse non tutti sanno che i limiti imposti dalla UE sulle emissioni sono di 0,1 nanogrammi/m3. La molecola di diossina si rompe poco sopra gli 850 gradi. Dunque, negli inceneritori è vietato (per legge) che i fumi scendano sotto gli 850° C, che è poi il motivo per cui gli inceneritori non possono accettare materiale dal potere calorifico troppo basso oppure devono integrare la combustione con metano (sigh!). L’obiettivo di minimizzare le emissioni di diossina contrasta con il recupero dell’energia, in quanto una elevata temperatura di combustione e un veloce raffreddamento dei fumi (condizioni ideali per ridurre la formazione di diossina) sono incompatibili con una massima efficienza nel recupero dell’energia termica. Qualsiasi studente di ingegneria del 1° anno che ha sostenuto l’esame di Fisica tecnica o termodinamica potrebbe rendersi conto che dal punto di vista dell’efficienza energetica gli inceneritori sono dei giocattoli e non dei termovalorizzatori (finalmente è in preparazione da noi studenti di ingegneria ambientale un “pò di conti” che facciano chiarezza su cosa succede davvero in un inceneritore).

Gli inceneritori sono a norma di legge. Forse non tutti sanno che è la legge che non è a norma dell’ambiente. Infatti, i limiti di concentrazione degli inquinanti imposti dalla normativa sono riferiti al metro cubo di fumi e non all’emissione totale. Pertanto, bruciando più rifiuti si ottengono più fumi e quindi più emissioni inquinanti, ma percentualmente si rimane sempre nei parametri di legge. Le norme non garantiscono necessariamente un valore di concentrazione degli inquinanti “sicuro” in base a studi medici ed epidemiologici sull’effetto degli inquinanti, ma si riferiscono ai valori che è possibile ottenere tecnicamente con gli impianti migliori (che in termodinamica si chiama efficienza, ma che nulla ha che vedere con la salute). Per capirci: in inceneritori come quello di Brescia la concentrazione di diossina nei fumi può essere abbastanza bassa da risultare non rilevabile dagli strumenti adottati (a Brescia la soglia di misurabilità è di 0,04 ng/m3 di fumi, ovvero circa 240 ng/t di rifiuti). Quindi, se la concentrazione fosse di poco inferiore a tale soglia (e dunque non rilevata dagli strumenti), data un’emissione di 5 000 000 m3 di fumi al giorno(ogni tonnellata di rifiuto produce 6000mc di fumi(ultrasigh!)), la produzione di diossina sarebbe di 200 000 ng/giorno, cioè la massima dose giornaliera tollerabile (0,15 nanogrammi) per oltre 1,3 milioni di persone, ma non verrebbe rilevata.

L’inceneritore di Brescia è a norma di legge. Forse non tutti sanno che non è vero: in esso sono state rilevate alcune infrazioni per il mancato rispetto di normative e per il superamento del tonnellaggio di rifiuti inceneriti originariamente ammesso. È comunque difficile che l’accertamento di un’infrazione sfoci in provvedimenti molto severi come il sequestro dell’impianto, perché in tal caso si potrebbe creare un’emergenza rifiuti come quella della Campania (ritenuta la vergogna italiana perchè la popolazione non vuole inceneritori: beata ignoranza). Nel marzo del 2007, tuttavia, l’inceneritore di Trieste è stato posto sotto sequestro per il superamento dei limiti di legge riguardanti le emissioni di diossina, superiori anche di 10 volte il limite.

Produrre energia dai rifiuti è davvero la tecnologia del futuro. Forse non tutti sanno che in Italia la produzione di energia elettrica tramite incenerimento dei rifiuti è indirettamente sovvenzionata dallo Stato per sopperire alla sua antieconomicità: infatti questa modalità di produzione era considerata (in violazione delle norme europee), come “da fonte rinnovabile” (un attimo prima della presentazione della legge del ’92 fu aggiunta a “da fonte rinnovabile” la parola “e assimilate” che ha invece convogliato il 7% della bolletta degli italiani agli inceneritori, cioè circa 35 miliardi di euro, con i quali l’Italia sarebbe oggi la prima nazione al mondo per energia rinnovabile) alla stregua di idroelettrico, solare, eolico e geotermico.
Le modalità di finanziamento sono due, correlate ma diverse:
pagamento maggiorato dell’elettricità prodotta per 8 anni (incentivi cosiddetti CIP 6);
riconoscimento di “certificati verdi” che il gestore dell’impianto può rivendere (per 12 anni).

Per quanto riguarda gli incentivi CIP 6 (circolare 6 del Comitato Interministeriale Prezzi), chi gestisce l’inceneritore – per otto anni dalla sua costruzione – può vendere al GRTN (la società cui è affidato il compito di assicurare la fornitura di energia elettrica italiana) la propria produzione elettrica a un costo circa triplo rispetto a quanto può fare chi produce elettricità usando metano, petrolio o carbone. A oggi l’incenetivazione CIP 6 è di circa 54 €/MWh. I costi di tali incentivi ricadono sulle bollette degli utenti, che comprendono una tassa per il sostegno delle fonti rinnovabili. Ad esempio nel 2004 il Grtn ha ritirato 56,7 TWh complessivi di elettricità da fonti “rinnovabili”, di cui il 76,5% proveniente da termovalorizzatori e altri fonti assimilate (fra cui il gas dai residui di raffineria), spendendo per questi circa 2,4 miliardi di euro. A titolo di confronto, nel 2006 a seguito dell’introduzione degli incentivi in conto energia per il fotovoltaico sono stati stanziati solamente 4,5 milioni di euro per 300 MW di potenza.
Per quanto riguarda i certificati verdi si tratta di certificati che corrispondono ad una certa quantità di emissioni di CO2: se un impianto produce energia emettendo meno CO2 di quanto avrebbe fatto un impianto alimentato con fonti fossili (petrolio, gas, carbone ecc.) perché “da fonti rinnovabili”, il gestore ottiene dei certificati verdi che può rivendere a industrie o attività che sono obbligate a produrre una quota di energia mediante fonti rinnovabili ma non lo fanno autonomamente.

Fonte: http://etica.myblog.it/archive/2007/07/09/inceneritori-forse-non-tutti-sanno-che1.html

Informazioni su letaizia

Sono una persona concreta e decisa. Mi piace la scienze. Ho iniziato per piacere personale a creare oggetti fatti a mano e ora è una delle mie passioni e chissà che non posso diventare qualcosa di più. Sono creativa e desiderosa di fare, molto sensibile e generosa(a volte troppo) Faccio tutto con entusiasmo. Adoro viaggiare e il mare. Mi piace la musica, un po' tutta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...