Comunicato Stampa – ECOTASSA: L’INEFFICIENZA DEL COMUNE

discaricaI cittadini di Taranto , ancora una volta, saranno costretti a sobbarcarsi le spese dell’inefficienza comunale.
Chiamato ad adeguare l’attività di raccolta differenziata, come da indicazioni della comunità europea con la direttiva 2008/98/CE, il comune di Taranto, come altri nella provincia, ha dimostrato la sua latitanza ed inefficienza.
Il Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n.3 del 9 Gennaio 2014 dispone che al Comune di Taranto sia conferita, nella misura massima di €. 25,82 per tonnellata, l’aliquota del tributo speciale per il deposito in discarica di rifiuti solidi per non aver conseguito quelle percentuali di raccolta differenziata stabilite dalla L.R. 38/2011
Il tributo speciale è riferito a singola tonnellata di spazzatura. Ma quanta spazzatura produce il comune di Taranto?
Dal sito della Regione Puglia apprendiamo che nel 2013 Taranto ha prodotto circa 100.000 tonnellate di rifiuti, di cui 89.000 indifferenziato e 11.000 differenziato, giungendo così a un misero 11% di raccolta differenziata, certamente un passo avanti a quel vergognoso 8% del 2012, ma assolutamente lontanissima da quell’idea di città moderna capace di avere una visione ambientale, economica, politica e culturale.
Eppure la legge regionale, che imponeva l’adeguamento in materia di rifiuti, è del 2011 (30/12/2011 n. 38), ed era stata anche derogata di un anno, con una scelta discutibile del consiglio regionale, pertanto non uno bensì due anni di tempo da parte l’amministrazione comunale per adeguarsi ma, a quanto pare, tutto è rimasto invariato.
Ci domandiamo : perché i dati non sono stati comunicati? Perché la percentuale di raccolta differenziata è così ridicola quando la normativa chiedeva di raggiungere il 65 % entro il 2014? L’amministrazione comunale crede e credeva davvero che i cittadini possano essere presi per i fondelli così facilmente? Oppure si attendeva che nessuno andasse a scartabellare i dati per capire il perché dell’aliquota massima applicata? O si sperava nella possibilità data dalla determinazione regionale di riuscire in sei mesi a fare ciò che non si è mai voluto organizzare in anni di governo comunale? Magari sfruttando la falsa promessa di incrementare la RSU di quel 5% che le consentirebbe di posporre il problema a Giugno?
Il sindaco di Taranto, in carica dall’anno 2007, non ha fatto il lavoro per il quale lo paghiamo. Pretendiamo che il primo cittadino oltre a darci risposte ci spieghi anche il crono-programma dettagliato, secondo la strategia RIFIUTI ZERO , con cui giungere, almeno ed inizialmente, al 30% di raccolta differenziata.
È il momento di dare una prova di maturità e correttezza etica e morale. Signor sindaco, signori della giunta comunale, noi come cittadini vogliamo che chi abbia sbagliato paghi rassegnando le dimissioni. Vogliamo persone capaci di far funzionare la città, vogliamo l’attuazione della strategia RIFIUTI ZERO con una precisa delibera di Giunta.
Lo vogliamo perché questa città è nostra, dei cittadini e voi, nostri dipendenti, o la fate funzionare oppure ritenetevi licenziati!

Meet Up 192 Amici di Beppe Grillo – Taranto

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...