C.S. M5S Camera News: “Taranto: dopo l’Ilva, le trivelle?”

Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto” condivide e pubblica il Comunicato Stampa del M5S Camera News:

“Taranto: dopo l’Ilva, le trivelle?”

http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/ambiente/2014/07/no-a-tempa-rossa-e-alle-trivellazioni.html

en_130318_01-586x322È con forza, fermezza e convinzione che il MoVimento 5 Stelle si oppone al progetto “Tempa Rossa” che, se avviato, con i suoi 50.000 barili giornalieri – secondo le previsioni – incrementerà del 40% la produzione di petrolio nazionale (a cui è da aggiungere anche l’estrazione di gas naturale, GPL, zolfo), in una regione dall’alto valore turistico, con un patrimonio archeologico di primo piano e che si estende su un territorio geologico segnato da una sismicità non trascurabile e una rete idrogeologica complessa, così come riconosciuto dalla stessa Total.
Terminale logistico di questa scellerata operazione è il porto di Taranto con la costruzione di due serbatoi di mc. 180.000 per la ricezione, lo stoccaggio e lo smistamento, il prolungamento del pontile con due piattaforme di attracco, la realizzazione di una terza, l’adeguamento delle strutture della raffineria ENI e il consequenziale aumento del transito delle petroliere.
Dalla Valle del Sauro in Basilicata al Mar Grande di Taranto, territori già segnati e vittime di insostenibili attività industriali a cui tocca ancora subire un’ulteriore violenza per una mancanza totale di scelta energetica e strategica.
La Basilicata, tra le regioni più povere in Italia, e Taranto, con il tasso intorno al 45% di disoccupazione ed inoccupazione, dimostrano che non è questa la strada da seguire per un futuro sostenibile.
Le opportunità lavorative e le royalities rilasciate dalle multinazionali non creano assolutamente ricchezza economica e benessere per la cittadinanza e il territorio, che dovrà invece preoccuparsi delle emissioni diffuse, dell’eventualità di sversamenti, dell’incognita di incidente rilevante di cui sia l’ENI che il Ministero dell’Ambiente, che ha rilasciato la VIA al progetto, non hanno considerato adeguatamente il rischio, presumibilmente in violazione della “Direttiva Seveso”.
Ancora una volta non si prospettano alternative economiche eco sostenibili. Ancora una volta si sceglie la via più impattante. 
Nel caso tarantino, poi, siamo anche oltre lo scandalo: si va a prendere di mira una città, e i suoi abitanti, già devastati da decenni di inquinamento pesante.
Basilicata e Taranto, ma non solo: i progetti di estrazione e le concessioni a trivellare colpiscono tutto il Sud, offrendo il miraggio di un’attività produttiva capace di risollevare le sorti economiche di queste regioni. Ma, appunto, è un miraggio. E il Movimento 5 Stelle in numerosi atti parlamentari ha detto NO a questa visione miope dell’economia e dello sviluppo.
Tra l’altro secondo studi recenti tutto il petrolio estraibile in Italia soddisferebbe le esigenze nazionali per soli 50 giorni, mentre le fonti rinnovabili con produzione distribuita e diffusa, danno 6 volte più lavoro rispetto alle fonti fossili. È lì che bisogna investire e programmare se davvero si vuole dare un futuro al Paese.
A riguardo siamo sbalorditi che sia l’Eni che il Ministero dell’Ambiente che ha rilasciato la VIA al progetto Tempa Rossa non abbiano considerato adeguatamente i rischi dovuti all’incidente rilevante. Che fine ha fatto la direttiva Seveso per questi territori? Il Governo Renzi ha una visione energetica del Paese ferma “all’era dei fossili”. No al progetto “Tempa Rossa”, No ai politici “fossili”.
Ecco un file che riassume tutti gli atti ispettivi del Movimento 5 Stelle in Parlamento sulle trivellazioni e Tempa Rossa
Tempa Rossa e attività estrattive.pdf

11Luglio 2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...