FERDINANDO IMPOSIMATO PER LE RAGIONI DEL NO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE

CONTRO UNA DITTATURA DELLA MAGGIORANZA A DIFESA DELLA NOSTRA CARTA

imposimato2

Alla fine è stata una lunga standing ovation del pubblico presente a Palazzo del Governo – Salone di Rappresentanza sold-out – per il presidente onorario aggiunto alla Suprema Corte di Cassazione Ferdinando Imposimato, a Taranto con il tour “Le Ragioni del No” contro la riforma costituzionale votata dal Parlamento italiano ad aprile 2016. Per il giudice, invitato dal Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto”, si tratta di “resistenza contro una riforma pericolosa, alla quale, secondo il padre costituente Piero Calamandrei, il Governo non doveva partecipare, essendo di esclusiva competenza del Parlamento”. Come Imposimato ha specificato più volte “la Costituzione di Alcide De Gasperi, Enrico De Nicola, Umberto Terracini e Aldo Moro non può essere stravolta da una minoranza, definita illegittima dalla Corte costituzionale con sentenza del gennaio 2014”. L’ospite d’eccezione, introdotto dalla portavoce M5s al Parlamento europeo Rosa D’Amato e dal professore di Diritto costituzionale all’Università del Salento Nicola Grasso, condivide insieme con Il Movimento Cinque Stelle le ragioni del NO. Perché: Non ci sarà NESSUNA ABOLIZIONE DEL SENATO e nessun vero risparmio dei costi della politica. Le trasferte dei futuri senatori verranno pagate e il nuovo Senato godrà di tutte le immunità previste dalla legge per i deputati. Succederà che i POLITICI ELEGGERANNO ALTRI POLITICI e quindi i membri del nuovo Senato non verranno più eletti direttamente dai cittadini ma nominati dai Consigli regionali. Verrà tolto così il diritto di voto e di preferenza, in totale violazione del principio costituzionale secondo il quale “la sovranità appartiene al popolo”.

imposimato0Sarà quindi un PARLAMENTO DI RICATTATI con il sistema di politici che eleggono altri politici. Si instaurerà infatti un evidente sistema di ricatti tra partito ed eletto a danno dei cittadini. Altro che LEGGI PIU’ VELOCI. SARA’ UN INGANNO perché la riforma prevede che tante materie (circa 22) dovranno passare per entrambe le Camere. Inoltre i futuri senatori avranno la gestione di materie non loro, perché oltre a legiferare su riforme costituzionali, referendum popolari e leggi elettorali, dovranno occuparsi anche di argomenti che riguardano l’appartenenza dell’Italia alla Unione Europea. La nuova legge elettorale, meglio conosciuta come Italicum, insieme con la riforma costituzionale potrebbe produrre il rischio che un solo partito politico determini sia l’elezione del Consiglio Superiore della Magistratura, dei giudici della Corte costituzionale, dello stesso Presidente della Repubblica. Le SCELTE saranno IN BILICO. Infatti aumenteranno le firme per le leggi di iniziativa popolare da 50 mila a 150 mila; stessa cosa per i referendum abrogativi: in cambio di un modesto abbassamento del quorum le firme da raccogliere saliranno a 800 mila. Infine arriveremo a un vero e proprio ABUSO DI POTERE con la revisione costituzionale portata avanti dal Governo e non dal Parlamento. Un percorso fatto a colpi di fiducie che hanno omesso l’intervento delle opposizioni nel dibattito parlamentare. E’ evidente come questi punti si intreccino perfettamente con le dichiarazioni rilasciate dal giudice Ferdinando Imposimato, da subito in prima linea a difesa della nostra Costituzione e a favore di “una democrazia basata sul voto e sull’alternanza del governo, affinché l’esecutivo non prenda troppi poteri”.

imposimato imposimato1 imposimato3 imposimato4

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...