Trivellazioni nel Golfo di Taranto, il Ministero rilascia un altro parere favorevole

Amici di Beppe Grillo Taranto: il Comune e la Regione ricorrano subito al Tar

 Dal 14 al 18 ottobre 2016 sono cinque le Valutazioni d’Impatto Ambientale legate ai permessi di ricerca e prospezione rilasciate dal Ministero dell’Ambiente a stoptrivellamultinazionali del petrolio e del gas, che adesso potranno utilizzare i micidiali Air Gun nei mari della Puglia. Una valutazione favorevole riguarda proprio il Golfo di Taranto in merito al permesso di Prospezione “d 3 F.P-.SC” di estensione di 4.030 km2 proposto dalla Schlumberger. Come se non bastasse ai margini del Golfo di Taranto sul versante calabrese per altre due Via, legate ai permessi di Ricerca “d 85 F.R-.GM” e “d 86 F.R-.GM”, sono state rilasciate alla Global Med. Si tratta di un fortissimo attacco al meridione e al nostro mare! Renzi dimostra, per l’ennesima volta, come per lui la vita degli esseri viventi e di interi settori economici come turismo e pesca debbano essere schiacciati dagli interessi dei petrolieri.Il 29 settembre 2016, il Tar del Lazio ha bocciato i ricorsi delle regioni e degli enti locali per un’altra Via rilasciata lo scorso anno dal Ministero dell’Ambiente all’Enel sempre nel nostro Golfo. Due multinazionali quindi hanno incredibilmente passato la valutazione ambientale del Ministero dell’Ambiente e sono in attesa dell’autorizzazione definitiva del Ministero dello Sviluppo Economico per “bombardare” il Golfo di Taranto. Il Meet Up Amici di Beppe Grillo Taranto ha presentato per entrambi i progetti osservazioni contrarie alla procedura di Via, ignorate con argomentazioni stucchevoli dal Ministero dell’Ambiente che ha proceduto comunque. Ora chiede al Comune di Taranto di ricorrere al Tar contro il decreto di Via della Schlumberger e alla Regione Puglia di ricorrere al Consiglio di Stato per il decreto Via dell’Enel.
Le decisioni prese dal governo nonostante il parere contrario di Regioni, Comuni, associazioni e semplici cittadini, sono una riprova che questo governo a guida Pd non ascolta le popolazioni interessate e vuole continuare con una economia inquinante, pericolosa e soprattutto ottocentesca, del tutto sorpassata! Attualmente lo Stato ha competenza esclusiva sul mare e i pareri delle popolazioni locali non sono vincolanti. area-trivellazioniQuesto modo di fare prepotente e irrispettoso dei territori ci deve far pensare anche alla Riforma Costituzionale voluta dal duo Renzi-Verdini sotto il mandato di J.P Morgan, in quanto anche sulla terra, l’intera politica energetica passerà sotto l’esclusiva competenza dello Stato escludendo i territori da ogni decisione. Un altro motivo per votare NO al referendum del 4 dicembre.
I nostri mari stanno attraversando un periodo difficilissimo, messi in crisi già dagli scarichi dei depuratori e dall’inquinamento diffuso derivante dalle attività antropiche, il settore della pesca attraversa un periodo nero e gli Air Gun diminuiranno inevitabilmente il pescato. Il turismo, che potrebbe essere una molla per il rilancio del Sud, subirà un danno d’immagine. Ciò che più è sconvolgente, è il trattamento riservato agli abitanti del mare, soprattutto balene e delfini che, con gli Air Gun, potrebbero anche morire. Con queste Valutazioni ambientali favorevoli rilasciate dal governo, il Golfo di Taranto è a serio rischio e come se non bastasse altri procedimenti in corso stanno per concludersi.
Puntare ancora sugli idrocarburi è una strategia perdente e deleteria ed è legata alla diabolica Strategia Energetica Nazionale (SEN) del governo che vede l’Italia come hub del gas pur avendo scarsissime quantità di gas e petrolio a disposizione. Il Meet Up Amici di Beppe Grillo Taranto ha presentato una proposta di legge che se approvata bloccherebbe i due procedimenti in corso e salverebbe il nostro mare. La proposta di legge prevede infatti l’istituzione di un’area marina protetta delle isole Cheradi e del Mar Piccolo, per difendere anche quelle realtà che stanno nascendo e si sono affermate per far conoscere a migliaia di turisti la ricchezza delle nostre acque. Al partito Democratico diciamo:

GIU’ LE MANI DAL NOSTRO MARE!

tappa21ago

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...