AMICI DI BEPPE GRILLO TARANTO: SOLIDARIETÀ AI COMMERCIANTI 

Il Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto” esprime solidarietà ai commercianti di Taranto per la delicata vertenza aperta con l’amministrazione comunale, ormai sorda rispetto alle istanze presentate dalle categorie interessate. taranto-mortaGli attivisti del Meet Up di via Dante 100 sono vicini alle delegazioni di settore che non sono state ascoltate dal Comune di Taranto e che continuano a protestare invano, senza trovare un confronto che possa porsi come base per un rilancio economico e occupazionale del territorio.
Il sostegno alle microimprese, alle piccole e medio imprese è la risposta alla grande industria, soprattutto in una città come Taranto dove sono sempre di più le attività che non ce la fanno a restare aperte. L’amministrazione comunale invece resta assente, si defila e addirittura fa mancare il numero legale in una riunione con i rappresentanti dei commercianti pur di non affrontare le questioni messe sul tavolo. Il Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto” sostiene le ragioni e le lotte di questi cittadini e condanna la totale assenza di programmazione e di dialogo tra amministrazione e microimpresa.sala-vuota
Si sono favorite quindi le restrizioni e non le soluzioni, mentre erano diverse le richieste avanzate al Comune di Taranto che potevano essere recepite: Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, che è stato finanziato in Area Vasta e che è costato 220 mila euro ma non ancora attuato; regolamento chiaro e attuabile sui dehors; lotta all’abusivismo e regolamentazione dei mercati; mettere al centro del piano di mobilità le persone e le imprese; servizio di bike sharing. Tutte alternative sulle quali il Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto” dà il suo appoggio.

A TARANTO È GUERRA AL VERDE

 

Ciò che sta accadendo a guerra-al-verde2Taranto riguardo al verde pubblico, probabilmente non ha eguali in nessun paese civile europeo. Evidentemente qui da noi, nella città più maltrattata d’Italia, tutto è possibile. Taranto maltratta non solo dallo Stato e dai decreti che non tutelano ambiente e salute ma dalla stessa amministrazione locale che l’ha portata al degrado. Taranto relegata al penultimo posto nella classifica dei centri urbani con il peggiore rapporto ‘verde pubblico/abitanti’, dove persino gli ulivi hanno lasciato posto al cemento della speculazione edilizia. Siamo stati per millenni habitat naturale di colture arboree di ogni specie, oggi l’esigua porzione di verde della città invece è messa a rischio dalle scellerate azioni di chi governa la città. Due interi lustri di disastri ormai irrecuperabili al verde della città. Sono svariate le denunce e le segnalazioni da parte di cittadini, associazioni e di noi attivisti del Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto” su ‘mutilazioni’ ad alberi decennali, abbattimenti scriteriati e folli capitozzature. Tutto però ancora vergognosamente inascoltato. Questa volta lo scenario del macabro taglio di alberi è il già martoriato quartiere Tamburi, proprio l’area della città più inquinata dalla grande industria. Come potete vedere dalle foto che abbiamo raccolto e che vi proponiamo, è evidente l’abbattimento di cinque grossi Pini in via San Francesco d’Assisi. Secondo le testimonianze di alcuni cittadini del posto, il taglio degli enormi arbusti è stato effettuato in orari del tutto insoliti (6.30 del mattino) da persone che probabilmente – così ci riferiscono – non erano esperte.

guerra-al-verde

Non si ha, quindi, certezza su chi abbia svolto materialmente questi lavori. Ciò che balza agli occhi è che nella zona circostante, il Comune è intervenuto da pochissimo tempo per il rifacimento del manto stradale, come riporta il sito ufficiale del vicesindaco di Taranto, Lucio Lonoce, con le immagini degli interventi effettuati. In quelle immagini appare evidente che quegli stessi alberi non erano stati ancora abbattuti, e appare evidente la tinteggiatura nella parte inferiore del tronco con calce idrata, solitamente usata per proteggere rami e tronchi da insolazioni anomale e da insetti e formiche. Alla luce di questi fatti, noi attivisti del Meet Up Amici di Beppe Grillo Taranto, chiediamo con forza immediate spiegazioni al vicesindaco con delega ai lavori pubblici Lo Noce. Vogliamo sapere se gli ordini per tale maldestro scempio siano arrivati proprio dalle istituzioni o se invece possa trattarsi di una vera e propria azione delinquenziale. Chiediamo che si faccia luce sui responsabili, perché purtroppo a Taranto è guerra aperta al verde.

 

DIVIETO BOTTI DI CAPODANNO, CHIESTA ORDINANZA AL COMUNE DI TARANTO

Il Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto” ha chiesto al sindaco di Taranto -con una istanza inviata nei giorni scorsi- di emettere un’ordinanza di divieto assoluto su tutto il territorio comunale di accendere, lanciare ed esplodere materiali pirotecnici
nel periodo dal 24 dicembre 2016 al 6 gennaio botti22017.Contestualmente il Meet Up di via Dante 100 ha proposto di applicare e rendere esecutive, attraverso il controllo delle forze dell’ordine, le sanzioni penali ed amministrative previste da leggi e regolamenti (sanzione amministrativa pecuniaria da € 25,00 ad € 500,00 ai sensi dell’art. 7 bis del D. Lgs.vo 267/2000). 
La sicurezza dei cittadini, l’incolumità di adulti e bambini e la protezione degli animali devono essere una prerogativa anche in occasione delle feste, quando è consuetudine esplodere botti di vario genere. Petardi pericolosi, illegali, venduti sui banchetti del commercio abusivo. Il Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto” invita dunque il Comune a intervenire per impedire l’uso e la vendita illegale di petardi e garantire la sicurezza, l’incolumità e la quiete pubblica. Il Comune è anche bottiresponsabile della protezione degli animali oltre che del patrimonio pubblico. Pertanto la polizia locale dovrebbe intensificare i controlli per arginare il fenomeno del commercio abusivo, dell’occupazione del suolo pubblico e dell’illegalità diffusa. Abusivismo e illegalità danneggiano inoltre tutte quelle attività commerciali che vendono prodotti conformi alle normative europee vigenti, nel rispetto delle autorizzazioni prefettizie e di polizia.

RIFIUTI, IL REGALO DI STEFÀNO A TARANTO: ALIQUOTA ECOTASSA A 25,82 EURO, IL MASSIMO!

 

Con la determina della Regione Puglia n.393 del 7 dicembre 2016 si è proceduto alla validazione delle percentuali di raccolta differenziata dei Comuni per la determinazione del tributo speciale per il conferimento in discarica dei rifiuti, e alla contestuale assegnazione a ciascun Comune della provincia di Taranto dell’aliquota per il 2017.ecotassa
Per il Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto” è questo il regalo di Natale del sindaco Stefàno ai cittadini di Taranto: il massimo dell’aliquota sull‘ecotassa per i rifiuti, ovvero 25,82 euro per tonnellata smaltita in discarica. L’aliquota 2017 sul tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi urbani (RSU) sale così dai 7,50 euro del periodo 2013-2016 ai 25,82 euro per il 2017, un aggravio enorme per i già tartassati abitanti di Taranto. Negli anni passati, a causa di alcune furbate del Comune di Taranto e la complicità di un consiglio regionale assoggettato alla volontà delle lobby dei rifiuti, il disastro sui rifiuti di Taranto era sì accertato ma non sanzionato adeguatamente.
La Giunta Stefàno ha fallito. Neanche un obiettivo previsto per legge è stato raggiunto nonostante 10 anni di amministrazione di centrosinistra. Per il Comune di Taranto non c’è stato alcun adeguamento dei contratti di gestione del servizio di raccolta rifiuti alle più recenti disposizioni; non c’è alcuna elevata qualità della frazione organica raccolta in maniera separata;ecotassa2 manca una elevata qualità di raccolta degli imballaggi, attraverso sistemi di raccolta monomateriale; è completamente assente la possibilità di una elevata qualità del sistema di monitoraggio e controllo della raccolta anche mediante sistemi informativi territoriali. Per non parlare del mancato raggiungimento del 65% di raccolta differenziata che per legge doveva avvenire a dicembre del 2012, mentre oggi Taranto è al 16 per cento. Una vergogna.
A trarre i benefici di questo disastro è la CISA del duo Marcegaglia-Albanese che ogni anno riceve a Massafra decine di migliaia di tonnellate di rifiuti e diversi milioni di euro da Taranto per il trattamento e lo smaltimento. Taranto vive quindi in una costante emergenza ambientale e sociale, siamo in una situazione di illegalità diffusa dovuta al comportamento degli amministratori locali e i tarantini devono sobbarcarsi adesso l’onere di questa inefficienza e inettitudine.
In città non è prevista la raccolta porta a porta, attiva solo in alcuni quartieri come Lama, San Vito e Talsano. Troppo poco. Quando vedremo la nostra amata città risorgere? Solo con un nuovo governo cittadino che punti decisamente a “Rifiuti Zero” e che metta in moto l’economia circolare potrà far risorgere la città, proprio come propone da anni il Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto”. Per gli attivisti dello storico Meet Up tarantino è ora di dire “basta” alla vecchia gestione comunale, alle discariche, agli inceneritori e a tutte le fonti inquinanti.

DAL COMUNE ANCORA NESSUN PROGETTO PER LA VALORIZZAZIONE DEL SITO ARCHEOLOGICO IN LOCALITÀ CROCE

Il Meet Up “Amici di Beppe Grillo” di Taranto ha inviato un’istanza al Comune di Taranto per conoscere le motivazioni della mancata elaborazione del progetto di valorizzazione e fruizione dei reperti archeologici emersi in località Croce. 1-1Nelle fasi che hanno preceduto i lavori per la realizzazione dei parcheggi di interscambio, finanziati con i fondi FESR 2007-2013, sono stati individuati diversi resti di interesse archeologico. Ad oggi non risulta però che il Comune di Taranto abbia provveduto ad elaborare il progetto di valorizzazione del sito. Il Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto”, inoltre, ha richiesto informazioni in merito ad un eventuale subappalto dei lavori per il parcheggio di interscambio, oltre alla richiesta di copia degli atti di aggiudicazione dell’appalto stesso.

MEET UP AMICI DI BEPPE GRILLO TARANTO A BITETTI: NESSUNA ALLEANZA, NESSUNA GRANDE INTESA

Nessuna alleanza, nessuna grande intesa con chi è stato parte negli anni del declino economico, sociale e sanitario di Taranto. Piero Bitetti, uomo dello stesso Pd che continua ad affossare la nostra città, ha lanciato il “Progetto Taranto” ed è pronto a imbarcare “tutti coloro che vogliano contribuire per il bene della città”.Impossibile allearsi con Bitetti e con chiunque altro, e in nessuna lista che non sia quella certificata dal Movimento 5 Stelle. Se si arrivasse a esprimere un candidato sindaco per il M5S a Taranto, governerebbe la città nell’interesse dei cittadini e non degli interessi personali e di partito che queste persone ancora rappresentano.

MANCATA ULTIMAZIONE DI 5 STRUTTURE SOCIO-EDUCATIVE, IL COMUNE RISCHIA LA RESTITUZIONE DEL FINANZIAMENTO

Nel quartiere Tamburi di Taranto sono in corso interventi di infrastrutturazione sociale, finanziati con fondi FESR 2007-2013 pari a 2.988.723,31 euro.Si tratta di 5 strutture: Centro di Pronta Accoglienza per adulti; Comunità Alloggio per madri con figli a carico; Comunità Alloggio per disabili; Centro diurno Socio-educativo e Riabilitativo per disabili; Casa per la Vita per adulti con problematiche psichiatriche.Allo stato attuale le strutture non risultano ancora completate, il Comune di Taranto non ha ancora provveduto a trasmettere agli Uffici Regionali la comunicazione dell’avvenuto collaudo e di avvio delle procedure di autorizzazione al funzionamento. Inoltre non si è proceduto alla nomina del soggetto gestore o concessionario di ogni singola struttura.Il Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto” ha chiesto, attraverso un’istanza al Comune di Taranto, di conoscere: lo stato di avanzamento dei lavori delle strutture; se il Comune di Taranto abbia avviato le procedure per l’individuazione e la nomina del soggetto gestore o concessionario di ogni singola struttura; se il Comune di Taranto intenda richiedere supporto agli Uffici Regionali per valutare le modalità di attivazione della gestione, necessaria ad evitare gravi effetti contabili e di esposizione debitoria per il bilancio del Comune.Il Comune di Taranto ha solo 13 mesi di tempo per mettere in funzione le strutture, pena la restituzione del finanziamento.