C.S.: IL MERCATINO CHE NON C’E’ (O FORSE SI)

imagesLa tradizione tarantina è più forte di ogni ordinanza comunale.
La Domenica mattina, nel parcheggio del pattinodromo in zona Salinella, si svolge da molti anni il “Mercatino delle pulci” luogo frequentato da molti cittadini anche provenienti dalle province circostanti al capoluogo. Luogo in cui gli ambulanti vendono oggetti usati di ogni tipo e genere ma da quasi un mese a rovinare questa tradizione ci ha pensato il nostro “fantastico” primo cittadino: il mercatino e’ chiuso per via dell’ordinanza n.52 del 04/08/2014, prima chiudeva l’area mercatale nelle domeniche del 10,17 e 24 Agosto per “interventi di miglioramento”. Interventi che non sono neppure iniziati oltre che a quanto pare bisognera’ assegnare una nuova gara di assegnazione dei posti non citata nell’ordinanza del 4 Agosto scorso.
Inoltre con l’ordinanza n.65 del 26/08/2014 ha prorogato questa chiusura di ulteriori due domeniche, precisamente il 31 Agosto e il 7 Settembre.
Chissà quali meravigliose opere migliorative saranno state fatte !?
Un grande disagio non avere per ben cinque domeniche il “Mercatino delle pulci” salvo poi scoprire che esso si è abusivamente spostato al di fuori della zona assegnata nel lontano 22 Aprile 2010 con l’ordinanza n.28 del Sindaco.
Noi del Meet Up 192 – Amici di Beppe Grillo Taranto non potevamo credere ai nostri occhi.
Tutto il mercatino spostato in blocco per la strada. Abbiamo pensato che il Sindaco avesse concesso la zona limitrofa per lo svolgimento regolare del mercatino in questione conservando una grande tradizione, irrinunciabile, di grande attrattiva e di conforto economico per i venditori.
Ma non è così. Il mercatino, adesso, altro non è che una gigantesca occupazione abusiva di suolo pubblico.
Ma le forze dell’ordine dove sono la Domenica? Possibile che nessuno sia andato a controllare? A far rispettare la legge?
Si tratta di un tacito assenso alla mancanza di disciplina ed educazione civile?
No, questa è solo la dimostrazione che a Taranto ciascuno può fare ciò che vuole, anche trasgredire la legge, senza che gli sia rivolto nemmeno un appunto!
Disagio per il traffico, confusione nel quartiere e alla fine della mattina che cosa rimane?
Un cumulo di pattume e sudiciume per le strade.
Solo Domenica 7 le forze dell’ordine si sono “accorte” di tale situazione e hanno “sbaraccato” gli abusivi dalla zona Salinella ma non hanno potuto evitare che il luogo diventasse una discarica a cielo aperto. Ringraziamo per il grande lavoro gli operatori ecologici dell’Amiu che hanno ripristinato la pulizia e il decoro in zona.
Che grande prova di organizzazione ha dato il nostro Sindaco anche in questo caso!
Ci voleva molto a fare i lavori dal Lunedì al Sabato e lasciare libero lo spazio mercatale la Domenica?
Forse non è stato consigliato bene, del resto lui questi luoghi non li frequenta, non sono zone per v.i.p.
Sono zone in cui si trova il vero cittadino, quello che ti dice in faccia ciò che pensa. Ma forse è meglio stare in un ufficio che capire i veri problemi della città vivendo a contatto dei cittadini.
Non abbiamo mai visto il primo cittadino, ma non crediamo sia tale visto che la città non la vive, su di un mezzo
pubblico, in un mercato rionale, a parlare con la gente, al bar sotto casa, a passeggiare la sera nelle vie del centro. Abbiamo la certezza che non faccia queste cose altrimenti si sarebbe accorto dei ciclomotori che circolano in piazza Garibaldi la sera o in via D’Aquino, in zone pedonali o, peggio, sui marciapiede.
Si sarebbe accorto delle decine di poveri agli angoli delle strade, ai semafori.
Si sarebbe accorto che il casco non viene usato sulle moto e le cinture di sicurezza sulle auto.
Si sarebbe accorto dello stato di degrado della città.
Il Meet Up 192 – Amici di Beppe Grillo Taranto auspica che il Signor sindaco sia più presente, che capisca i reali problemi di vita quotidiana dei cittadini e se ne faccia carico, cercando di risolverli e non cercando consensi elettorali (a quelli ci pensa il partito). Oppure si decida e torni a casa sua dimettendosi.
Il Meet Up 192 – Amici di Beppe Grillo Taranto chiede che sia sempre rispettata la legge e se, come sembra, il mercato occupa abusivamente le vie, chiede che sia rimosso.
Inoltre chiediamo che i lavori al pattinodromo siano al più presto conclusi, permettendo al mercatino di riappropriarsi delle zone di competenza per far continuare una tradizione unica nella città.

Taranto 09 Settembre 2014

Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo Taranto”

C.S.: GIU’ LE MANI DAL NOSTRO MARE

Una-tappa-del-Giu-le-mani-dal-nostro-mareSi è concluso il 30 Agosto a Bari il tour “GIU’ LE MANI DAL NOSTRO MARE”, manifestazione organizzata dagli attivisti pugliesi e lucani del MoVimento 5 Stelle per affermare il proprio NO alle trivellazioni petrolifere.
Da Monopoli a San Pietro Vernotico, da Taranto a Scanzano Ionico fino a San Pietro in Bevagna sono stati tantissimi i cittadini che, insieme ai portavoce del M5S al Parlamento italiano, al Parlamento Europeo ed ai Comuni, si sono raccolti lungo la costa per formare una lunga catena umana a difesa dei luoghi soggetti alle richieste di ricerca, coltivazione e estrazione di petrolio da parte delle multinazionali del petrolio.
Alle stesse rispondiamo con un secco NO alle trivellazioni del nostro mare e proponiamo una alternativa energetica che punta sulle fonti rinnovabili integrate.
“GIU’ LE MANI DAL NOSTRO MARE” è stato un grande successo ed ha avuto un fortissimo eco sul territorio nazionale.
Pertanto ci proponiamo per il prossimo anno di allargare a livello nazionale la nostra iniziativa per far fronte comune contro i DISTRUTTORI DEI NOSTRI MARI.

Taranto 9 Settembre 2014

Meet Up 192 Amici di Beppe Grillo Taranto

C.S.: La Galleria “indecente”

180px-Taranto_-_Galleria_Comunale_-_portone_d'ingressoAl successo delle quattro serate dell’edizione 2014 de “L’Isola che Vogliamo” per le vie del Borgo Antico di Taranto, non sono mancate, tuttavia, polemiche e segnalazioni da parte di cittadini attenti e solerti.
In particolare ci è stato segnalato il cattivo stato in cui versano locali della “Galleria Comunale” dove sembra che la sporcizia e il degrado siano imbarazzanti anche per gli addetti ai lavori. Possiamo quindi comprendere il disappunto di chi ama tanto questo territorio e la sua storia nel constatare l’incuria verso il bene comune da parte di chi è deputato ad occuparsene.
Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo Taranto”, da sempre sostenitore del valore culturale e storico di Taranto, chiede all’Amministrazione Comunale, al Primo Cittadino, all’Assessore della Pubblica istruzione, dell’Università, della Cultura, dei Beni Culturali, del Turismo e dello Spettacolo, un immediato intervento atto al ripristino, alla messa in sicurezza degli impianti e al decoro dei suddetti locali.
Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo Taranto” chiede altresì un impegno ufficiale affinché venga
restituito alla città un luogo di cultura dignitoso e funzionale agli artisti e alle loro opere ma soprattutto a chi desidera conoscerle.
Anche dal decoro di un locale parte la conversione culturale di questa città.!

Taranto, 08 Settembre 2014

Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo Taranto”

IL COMUNE NON PAGA I SUOI DEBITI!

Nel rispetto della migliore tradizione tarantina, anche questa amministrazione comunale dimostra di
non saper gestire al meglio la cosa pubblica. Siamo alle solite.
È notizia di questi giorni che la SO.GE.T., società tristemente famosa nel campo del recupero
crediti, abbia inviato una “cartella” al Comune di Taranto, richiedendo il versamento dell’importo di
€ 85.120,12 per tributi non pagati .
Dal documento si evince infatti che non siano stati pagati tributi per lo smaltimento dei rifiuti
relativi al 2001, le quote del Consorzio Universitario Jonico della provincia di Taranto relativi al
2007, 2008 e 2009, contravvenzioni di mezzi comunali risalenti al 1999, i tributi del Consorzio di
bonifica Stornara e Tara per l’anno in corso e, ciliegina sulla torta, la quota del 2006 relativa al
consorzio Teatro Pubblico Pugliese, Organismo di Promozione e Formazione del pubblico della
prosa e della danza riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Nella lettera della società di recupero crediti si specifica che, in caso di mancato versamento,
l’agenzia provvederà “al recupero coattivo del debito”.
Ecco quindi che l’esattore si trasforma in debitore (o per meglio dire evasore?) provando quelle
sensazioni ben note a tanti cittadini che tra mille difficoltà e sacrifici sono costretti a pagare tasse
inique, spesso ingiuste, che stanno stritolando l’economia, il lavoro, le famiglie.
Perché il Comune di Taranto, organo amministrativo e politico, che dovrebbe essere garante ed
esempio di legittimità e rispetto delle leggi, non ha onorato i debiti?
Forse il Comune crede di poter essere al di sopra della legge?
Come mai maggioranza e opposizione tacciono sulla questione?
Come mai i cittadini sono tenuti all’oscuro?
Il Signor Sindaco crede di poter gestire ancora per lungo tempo una città sofferente e carente di una
sana e vera classe politica?
Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo Taranto” intende ricordare alle istituzioni che la città deve
essere amministrata secondo la “diligenza del buon padre di famiglia” invece di accumulare debiti
come sembra stia facendo.
E’ giunto il momento che il Primo Cittadino esponga la reale situazione delle casse comunali, e
risponda in modo chiaro e trasparente a semplici domande di cittadini: il Comune è uscito dal
dissesto? Il Comune è in sofferenza? Cosa ci possiamo aspettare per il futuro?
Taranto ed i tarantini hanno il diritto di conoscere la verità, e il Comune ha il dovere di informare la
cittadinanza. Una classe politica che sfugge ai suoi doveri non è degna di rappresentare una
collettività ed è opportuno che qualcuno ne tragga le conseguenze politiche.
Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo Taranto” continuerà nella sua opera d’informazione e
divulgazione contro la malapolitica ed il malaffare affinché la rassegnazione, di cui è ricolma la
città, si trasformi in consapevolezza e attivismo.
Noi non ci arrenderemo mai, e Voi?

III Tappa tour “GIU’ LE MANI DAL NOSTRO MARE”

giulemanidalnostromare

Il giorno 17 Agosto alle ore 11.00 presso “la Spiaggetta” – zona Marina di Lizzano, avrà luogo la terza tappa del tour “GIU’ LE MANI DAL NOSTRO MARE”.
Il tour, che ha lo scopo di “sensibilizzare” i cittadini sui problemi delle trivellazioni marine, è stato organizzato dai Meet Up pugliesi e lucani che fanno riferimento al MoVimento 5 Stelle.
Alla tappa parteciperanno la Portavoce al Parlamento Europeo Rosa D’AMATO, i Portavoce al Parlamento Barbara LEZZI, Maurizio BUCCARELLA e Cosimo PETRAROLI. Interverranno inoltre il Portavoce al comune di Bari Sabino Marco MANGANO e il Portavoce al comune di Lizzano Valerio MORELLI.
Con l’occasione si ringraziano tutti coloro che vorranno intervenire.

Taranto, la Confindustria e il pudore scomparso

 

Finalmente la maschera è stata gettata e alla città è stato rivelato il vero volto dell’economia locale, di questa cosiddetta classe imprenditoriale, di questa presunta dirigenza, che mostra la sua natura diabolica e perversa, interessata e speculatrice.

Celata da finte e false preoccupazioni verso Taranto, i suoi abitanti, i suoi lavoratori, è stata organizzata da Confindustria, nella forma più becera e vile, addirittura una manifestazione a favore del progetto Tempa Rossa, trasformando vigliaccamente così l’ennesimo sfregio al capoluogo jonico in un fantoccio di sviluppo e di rinascita del territorio, considerato dalla confederazione locale un’occasione da non perdere per farne ripartire l’economia.

E allora una classe dirigente, che è stata silente e complice con la grande industria, che ha assistito impassibile alla deturpazione e violenza dell’ambiente, che ha fatto di una “ambientalizzazione” a norma di legge il mantra per giustificarne l’inadempienza , che ha riso delle sofferenze altrui, che ha speculato sul pianto di questa città, che non vuole alternative ad un’economia basata sul fossile e sullo sfruttamento del territorio e degli uomini, che ha dalla sua parte tutti i poteri del paese, si scopre adesso paladina dei piccoli imprenditori, dei commercianti, dei lavoratori, dei cittadini, di Taranto, spacciando petrolio, porto, acciaio, navi, vocazione industriale, come punti basali sui quali far rinascere la città, offrendo la chimera di posti di lavoro e benessere per tutti.

Evidentemente non c’è più ritegno, non si sa cos’è la vergogna!

Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto” esprime allora con durezza la contrarietà a questa manifestazione basata su una teoria fasulla e ingannevole, costruita ad arte proprio da chi ha contribuito alla deriva cittadina, ha partecipato alla morte politica del territorio, ha concorso a sopprimere la reale economia locale, ha trasformato Taranto in un deserto culturale e ha costretto la nostra meglio gioventù a scappare.

La vergogna, il ritegno, sono termini che oramai non appartengono più a questo ceto, a questi sostenitori di sviluppi compatibili solo con la morte del territorio, a questi manipolatori della realtà, a questi venditori del nulla, a questi aspiranti incantatori. Non ha più pudore la Confindustria tarantina, non nasconde la sua vera natura, le sue mire, le sue aspirazioni. Non ama confrontarsi, non ama ascoltare, non ama rischiare, ma soprattutto non ama questa città. Se l’economia dettata dalle lobby diventa il punto da cui ripartire evidentemente non vi è visione, non vi è strategia, ma certamente non vi è amore.

Ma non vi è neanche comprensione verso chi vive, non vi è compassione verso chi si ammala, non vi è pietà verso chi muore. Perché a Taranto si muore per lavoro, ma si muore anche per viverci, per respirarla, per nascerci.                         La Confindustria ha scelto, ma il Meet Up 192 lo ha fatto anni fa al suo solito modo, con trasparenza e chiarezza, con onestà e con coerenza, senza se e senza ma, e soprattutto con amore, pietà e compassione.

NO A TEMPA ROSSA, NO AL FOSSILE, NO AD UN’ECONOMIA SERVA E MORTALE!

Infoday 28 luglio 2014 opportunità europee per la formazione, la cultura e lo sport

Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto” pubblica e condivide la Nota Stampa di Rosa D’Amato, Portavoce del MoVimento 5 Stelle al Parlamento Europeo, relativa all’evento “Infoday Fondi Comunitari 2014 – 2020″ organizzato a Taranto il 28 Luglio 2014. Un’opportunità per comprendere come accedere ai fondi europei Erasmus + & Creative Europe, affinchè l’Europa sia davvero vicina agli europei e capire insieme come costruire il futuro.

68bf72660a7af432cda0f916fd70551e_LLunedì 28 prossimo ore  16,30 ci vedremo presso la Sala Convegni “Al Gambero” Vico del Ponte 4 a Taranto per l’info day su Erasmus+ e Creative Europe: OPPORTUNITÀ EUROPEE PER LA FORMAZIONE, LA CULTURA E LO SPORT .
Sono state contattate diverse organizzazioni ed enti e in molti hanno manifestato il loro interesse e la voglia di partecipare un po da tutta la Puglia. L’obiettivo è quello di diffondere maggiormente le conoscenze per l’accesso a queste opportunità.
L’evento è organizzato in collaborazione con il gruppo Europa della Libertà e della Democrazia Diretta (EFDD).
Chi, in qualità di ente, associazione o istituzione svolge la propria attività o ha interessi nei campi dello sport, della cultura e della formazione, può partecipare compilando il form on line all’indirizzo http://damatorosa.altervista.org/aderisci-allinfo-day/

Erasmus+ è il nuovo programma Ue per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport, fortemente orientato alla cooperazione tra il mondo dell’istruzione e quello del lavoro.L’obiettivo perseguito è quello di promuovere le competenze, e l’occupazione, nonché sostenere la modernizzazione dei sistemi d’istruzione, formazione e gioventù. Destinatari del programma sono oltre 4 milioni di persone che potranno ricevere un sostegno per studiare, formarsi, lavorare o fare attività di volontariato.

Erasmus+ all’estero.
Il programma è rivolto a organizzazioni pubblico/private attive in campo formativo, istituti di istruzione di ogni ordine e grado, enti pubblici, associazioni studentesche, associazioni giovanili, onlus.
Modulo 1: Erasmus+

Erasmus+: un nuovo approccio
Link alle politiche UE: Europe 2020 strategy
<Novità in Erasmus+: un programma integrato, semplificato, maggiore budget Le tre principali Key Actions (KA):
_Learning mobility of individuals (KA1)
_Cooperation for innovation and exchange of good practices (KA2)
_Support for policy reform (KA3)
Budget allocation 2014-2020 Topic trasversali:
_Focus su HEI (Higher Education Institutes) – obiettivi, partenariato e attività eleggibili nelle tre KA _Focus su Vocational Education and Training – obiettivi, partenariato e attività eleggibili nelle tre KA _Focus su Jean Monnet – obiettivi, partenariato e attività eleggibili _Focus su Sport – obiettivi, partenariato e attività eleggibili _General overview sugli altri topic
Timetable e calendario calls for proposals Info dalla Commissione Europea
Alcuni esempi pratici di idee progettuali ed implementazione Q&A

Creative Europe è il nuovo programma dell’Unione europea per il 2014-2020 che mira a:
1) proteggere e promuovere la diversità culturale e linguistica europea e incoraggiare la ricchezza culturale d’Europa;
2) contribuire a realizzare gli obiettivi europei di una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva;
3) supportare i settori culturali e creativi nella fase di adattamento all’era digitale e alla globalizzazione;
4) dischiudere nuovi orizzonti internazionali riguardo a opportunità, mercati e destinatari.

Il nuovo programma vuole dare impulso a occupazione e crescita nell’UE in quanto i settori artistico e creativo svolgono un ruolo fondamentale  nell’economia europea rappresentando il 4,5% circa del PIL dell’UE e dando lavoro a oltre 8 milioni di persone.
A chi si rivolge: organizzazioni pubblico/private attive nel campo culturale, scuole, teatri, enti pubblici, ONG, aziende.

Modulo 2: Creative Europe
Principali sfide del programma Creative Europe Obiettivi generali e obiettivi specifici del programma
Creative Europe 2014-2020: Cultura- Media- Settore trasversale e relative linee di azioni supportate
Partecipanti eleggibili
Timetable e calendario calls for proposals
Info dall’EACEA
Alcuni esempi pratici di idee progettuali ed implementazione Q&A

Modulo 3: Progettazione esecutiva
Dalla costruzione del partenariato alla lobbying a Bruxelles

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 30 follower