C.S.: NO OGM a Taranto

ogm_siete_preguntas_obvias_en_busca_de_respuestas_sencillas_y_directas_sobre_los_transgenicos_large

Il MeetUp 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto” ha presentato al Comune di Taranto la mozione di “Divieto di coltivazione di organismi geneticamente modificati (OGM) in tutto il comprensorio comunale” con la quale si è chiesto al Sindaco e alla Giunta Comunale di:

  • emanare un’ordinanza che vieti la coltivazione di tutti gli organismi geneticamente modificati  nell’ambito del comprensorio di riferimento;
  • introdurre un sistema informativo chiaro indicante l’eventuale presenza di OGM negli alimenti somministrati,
  • costituire titolo referenziale nei bandi di gara per gli appalti pubblici, di servizi e forniture alimentari destinati alla ristorazione collettiva, emanati dal Comune, l’utilizzo di prodotti che non siano modificati geneticamente;

Con la suddetta mozione s’intendono adottare, a fronte di possibili richieste atte ad  autorizzare la coltivazione di prodotti agroalimentari OGM, misure idonee a garantire la biodiversità degli ecosistemi locali, le produzioni di qualità e tradizionali che il territorio esprime.
Si rammenta inoltre che in data 12 luglio 2013, è stato emanato il Decreto interministeriale di adozione delle misure d’urgenza, ai sensi dell’art. 54 del regolamento (CE) nr. 178/2002, concernenti la coltivazione di varietà di mais geneticamente modificato MON 810 in cui se ne stabilisce il divieto di coltivazione nel territorio nazionale fino all’adozione di misure comunitarie.
Questa mozione, in attesa di conoscere la posizione delle locali autorità, dà inizio ad una nuova lotta del MeetUp 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto” per la salvaguardia del diritto e della civiltà del nostro territorio,  contro un’altra speculazione industriale che vorrebbe mortificare le nostre coltivazioni, la nostra agricoltura, le nostre specificità produttive. Inoltre in considerazione anche del ruolo di primo piano a livello internazionale che stanno avendo le nostre produzioni biologiche che, al contrario dell’agricoltura industriale artefatta, ridanno dignità al settore agroalimentare, diventa fondamentale dire con forza il nostro NO alle coltivazioni di OGM  a Taranto così come in tutto il territorio nazionale.
Un NO ad un sistema di vita artificiale, assoggettato a poteri economici e senza garanzia di sicurezza per la salute, con l’intento di tutelare la sicurezza del modello economico e sociale di sviluppo dell’agroalimentare italiano ed in particolare quello jonico, che mantiene quegli standard di qualità conosciuti e apprezzati in tutto il mondo. Un’agricoltura che diventa, nel nostro documento “Rinasci Terra Jonica”, elemento trainante dell’idea di una Taranto differente da quella che sopravvive solo su un polo industriale siderurgico. Una Taranto che basa la sua forza sulle sue tradizioni, sulla sua storia. Quindi agricoltura ma anche pesca, turismo, cultura, arte, energie rinnovabili, ricerca, università.
3000 comuni già si sono schierati dichiarandosi “liberi da OGM” e gridando “NO OGM”: anche Taranto deve farlo.
E allora che la Rinascita di Taranto cominci da un NO!
Uniti si Vince!

Il MeetUp 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto”

5 giorni a 5 stelle: settimana dal 07.04.2014 al 11.04.2014

La nostra forte opposizione all’accordo Italia Francia per la TAV, che fa saltare tutte le clausole antimafia e di garanzia, così come alle modifiche fatte al 416 Ter (voto di scambio stato–mafia), che riducono le pene ed evitano l’interdizione perpetua ai pubblici uffici.
E poi le intercettazioni di Verdini che potranno essere utilizzate grazie ai voti del M5S e la posizione del MoVimento sulle quote rosa.
Gli €. 80 che entreranno in tasca ad alcuni italiani ma anche i €. 65 che usciranno con l’armonizzazione delle detrazione del coniuge a carico insieme all’aumento delle tariffe e tasse di circa €. 35: saranno così gli italiani a dare al governo €. 20 .
Il trattato di Lisbona e i dubbi irlandesi: il popolo irlandese che ha voce in capitolo sulle scelte europee, il popolo italiano che può solo accettare le scelte di chi li rappresenta.
La nostra campagna contro la coltivazione e la contaminazione degli OGM: invitiamo tutti a presentare la mozione presso i comuni di appartenenza e a far firmare la petizione. www.italiaogmfree.org
Uniti si Vince.

 

C.S.:Il MoVimento 5 Stelle spinge per i veicoli elettrici e la conversione industriale

Rosy

“DAI SUCCESSI IN PARLAMENTO ALLA RINASCITA DELLA TERRA JONICA”Manifesto_RINASCI_TERRAJONICA

Nei giorni scorsi l’attività dei portavoce del MoVimento 5 Stelle in Parlamento si è arricchita di due iniziative in linea con il progetto RINASCI-TERRAJONICA, sorto a margine di idee e proposte, figlie di aspettative che tutta la popolazione jonica rincorre e sogna da tempo, per un futuro adeguato alla sua vocazione culturale, storica, paesaggistica, ambientale, agricola, marinara, turistica ed eno-gastronomica.
Le due mozioni parlamentari (Risoluzione 8-00044 e 8-00045) proposte dai portavoce del MoVimento 5 Stelle e approvate nella X Commissione della Camera (Attività produttive), impegnano il Governo a:

*incentivare la produzione di auto elettriche e la conversione di quelle a combustibile in elettriche nonché promuoverne l’uso nei confronti dei privati e degli enti pubblici;
*sviluppare dorsali ciclo-turistiche sul territorio nazionale in accordo con gli enti locali in modo da innescare un conseguente beneficio economico nei settori dell’accoglienza, del commercio e della ristorazione;
*attivare programmi di carattere nazionale per promuovere la conversione dei distretti industriali in APEA (area produttiva ecologicamente attrezzata), come strumento di valorizzazione del territorio, del risparmio energetico, della logistica e della tutela delle risorse naturali in senso ecologico-ambientale.

È nell’ottica di una visione alta, che le mozioni parlamentari spingono verso quell’Italia ambita da tutti ed in particolar modo dalla gente del territorio jonico, con la chiara e netta ambizione di farne parte con merito e pari dignità, senza più doversi sentire colonia economica ed industriale, frustrata dal ricatto occupazionale e svuotata di qualsiasi altra alternativa di sviluppo.
Un futuro dunque in cui l’economia e l’ambiente possano viaggiare l’una al fianco dell’altro, consentendo una vivibilità degna di una civiltà improntata sulla persona, in un’ottica di sostegno alle prospettive per le generazioni a venire, un futuro per l’intera nazione sul modello del progetto Rinasci-TerraJonica, incentrato sulla rinascita appunto del territorio Tarantino.
Il rapporto tra i cittadini ed i loro referenti in Parlamento, i portavoce del MoVimento 5 Stelle, si sta
rivelando sempre più efficace e l’attenzione alle proposte presenti nel documento RINASCI-TERRA JONICA lo dimostrano in maniera netta.
È una relazione diretta, di reciproco scambio e di sostegno che andrà a rafforzarsi in virtù della concreta possibilità di mandare in Europa la tarantina Rosa D’Amato, candidata “pentastellata” per la circoscrizione meridionale, che contribuirà a dare nuova linfa e a confermare la necessità di una vera e propria RINASCITA del territorio.

Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto”

5 giorni a 5 stelle: settimana dal 31 Marzo al 4 Aprile 2014

Il recente incontro tra il Presidente e un pregiudicato.
La versione definitiva del 416 Ter cambiata in Commissione e resa inefficace: le pene abbassate e la non punibilità della messa a disposizione del politico nei confronti dei mafiosi.
La finta abolizione delle province e la battaglia contro le lobby del petrolio e il MUOS.
E poi la riserva aurea italiana (la terza riserva mondiale) che è di proprietà della Banca d’Italia che è stata di fatto privatizzata pur rimanendo un istituto pubblico: il M5S vuole che l’istituto torni ad essere realmente pubblico.
Ma anche due piccole grandi vittorie con l’approvazione delle risoluzioni nell’ambito della mobilità sostenibile.
Alla prossima e Uniti si Vince!

 

Meet Up 192 e banchetti in piazza.

10151013_10202635251714191_1290289984_nDomenica 30 Marzo si è svolto in via D’Aquino un banchetto informativo da parte degli aderenti alMeet Up 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto”, organizzato per divulgare l’evento che si terrà il 3 Aprile dalle 18.30 in Piazza Immacolata, con alcuni portavoce della camera dei Deputati espulsi per le manifestazioni di protesta dovute alla ghigliottina che fu applicata nel funesto decreto “Imu-Bankitalia”, ma anche per proporre alla cittadinanza il documento di Rinascita Terra Jonica e poi parlare dei sette punti del programma del M5S alle prossime elezioni europee. E’ stata affrontata anche la problematica “No Triv, iniziando, proprio Domenica 30, la raccolta firme per la petizione “Tuteliamo le specie protette”, che accompagnerà l’interrogazione parlamentare o l’eventuale proposta di legge.
Una giornata primaverile che ha portato in strada tantissimi cittadini, alcuni dei quali, vedendo il nostro gazebo, ha voluto avvicinarsi per parlare, sfogarsi, criticare, contestare.
Una giornata in cui alla solita indifferenza alla partecipazione civica tipica dei nostri concittadini, si contrapponeva però un interesse verso le nostre proposte e trovando in parte della cittadinanza, tante volte refrattaria, un utile interlocutore per le vicende legate all’estrazione idrocarburi nel Golfo di Taranto. La volontà di dire la propria e manifestare l’indignazione verso le richieste d’ispezione e le concessioni già ottenute, si palesava con il numero di firme ottenuto.
Un banchetto che presto si è trasformato in un “Meet Up”, un’agorà, in cui i partecipanti non si conoscevano ma si sentivano accomunati dalla medesimo indignazione verso la classe dirigente politica ed economica attuale.
10151534_10202635251634189_1034782319_n Diventa sempre più forte quindi il nostro voler essere tra la gente e confonderci con tutti i cittadini, poiché solo in questo modo il territorio riconosce l’opera informativa, propositiva, di denuncia e di opposizione che il Meet Up 192 intende compiere. Un intendimento che non si può perseguire nelle segrete stanze di un palazzo, di nascosto e lontano dagli occhi, bensì in piena visibilità e in maniera trasparente e onesta.
Ed è proprio per questo che abbiamo deciso di riunirci nei prossimi “meet up” organizzativi all’aperto per dare la possibilità a chiunque, anche chi non ci conosce o non ha simpatia per il M5S, di partecipare e assistere ai nostri incontri.
Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?), noi neppure.

Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto”

C.S.: Scrutatori e la graduatoria discrezionale.

Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto” ha inviato al Comune di Taranto una richiesta in cui si chiede l’utilizzo di un criterio di scelta degli scrutatori che saranno nominati per la prossima consultazione elettorale per votare i membri del parlamento europeo, nella quale vi sia un accesso preferenziale per i disoccupati, inoccupati e studenti.
L’attuale normativa, legge nr. 95/1989 e successive modificazioni, recita, nell’articolo nr. 6 com. 1,
“Tra il venticinquesimo e il ventesimo giorno antecedenti la data stabilita per la votazione, la Commissione Elettorale comunale … procede:
a) alla nomina degli scrutatori, per ogni sezione elettorale del comune, scegliendoli tra i nominativi compresi nell’albo degli scrutatori…”,
dando dunque un’ampia discrezionalità nella formazione delle graduatorie tra i cittadini iscritti all’albo degli scrutatori.
Per quanto sopra si chiede quindi d’indire un bando in cui s’informano gli iscritti all’albo di presentare un’autocertificazione che attesti lo stato occupazionale o l’appartenenza alla categoria di studenti.
In un momento di crisi che assilla tutto il paese, ed in particolare il Sud Italia, tutte le energie istituzionali dovrebbero essere volte a tentare di favorire i cittadini e dunque le classi più sofferenti, anche se solo per un giorno, anche se solo per piccole cifre. Non si chiedono quindi privilegi o favori, ma semplicemente di uscire definitivamente da quella logica di soggezioni e riconoscimenti che tanto è gradita dal potere e dai partiti. Ci sembra infatti inopportuno che l’articolo 6 della già citata legge offra tutta questa discrezionalità e che la stessa sia passata indenne a tutte le successive modificazioni che vi sono state nella norma. Evidentemente questa discrezionalità è funzionale a quel potere che ha bisogno di elargire piccoli favori, sempre pagati dai cittadini, affinché tutti, elettori ed eletti, siano legati tra loro a doppio filo. Un altro esempio perciò di quel “do ut des” che ha contraddistinto la politica italiana degli ultimi decenni favorendo di conseguenza la nascita e la crescita del MoVimento 5 Stelle.
Il Meet Up 192, chiedendo inoltre di dare massima divulgazione del suddetto bando pubblico con tutti i mezzi disponibili, rimane in attesa di una risposta scritta (così come previsto dallo Statuto Comunale) da parte del Sindaco auspicando l’accoglimento dell’istanza e che vi sia dunque quell’inversione di tendenza della politica, anche locale, che possa trasmettere ai cittadini un po’ di fiducia su quelle istituzioni che troppo volte hanno voltato loro le spalle.
L’operazione “fiato sul collo” al Comune di Taranto non si ferma qui!
To be continued …

Il Meet Up 192 “Amici di Beppe Grillo – Taranto”

Rettifica: C.S. “Comitato Tre Fontane”: la manifestazione del 5 aprile contro l’antenna a Lama non verrà svolta

Riceviamo e pubblichiamo una nota del “Comitato Tre Fontane” in cui si comunica che la manifestazione prevista per sabato 5 aprile alle ore 09.30 contro l’istallazione dell’antenna per la telefonia mobile in via Eucalipto a Lama si svolgerà a data da destinarsi.
Il Meet Up 192, condividendo totalmente i motivi della protesta, darà opportuna divulgazione all’evento.

Il comitato TRE FONTANE comunica che la manifestazione non verrà svolta giorno 05 aprile ma bensì a data da destinarsi di cui sarà data comunicazione. Si prega inoltre di verificare qualunque notizia presso il Presidente Avv.to Aurelio Arnese e/o della vice presidente Sig.ra Rosalia Spinosa.
Ringraziando, porgiamo distinti saluti.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 25 follower